ASTRONOMIA SENZA GUARDARE IL CIELO AVVENTURE DI UN DILETTANTE NELLA MECCANICA CELESTE

febbraio 29, 2012  |   AstronomiaNova   |     |   0 Commenti

di Aldo Vitagliano

Da sempre il cielo stellato e il moto degli astri hanno affascinato la mente umana, ed è anche per questo che l’Astronomia, unica fra le scienze, ha il privilegio di essere praticata a livello amatoriale da numerosissimi appassionati, ricevendone non di rado contributi significativi dal punto di vista scientifico.

In effetti gli appassionati di astronomia appartengono a diverse categorie, che naturalmente non sono fra loro impermeabili: ci sono i “contemplativi” (visualisti e astrofotografi) che apprezzano soprattutto gli aspetti estetici delle osservazioni; ci sono gli “scientifici”, più interessati alla ricerca e alla scoperta (fotometristi e cacciatori di comete, di supernove e magari di pianeti extrasolari, nonché astrometristi e cacciatori di asteroidi); ci sono infine i “virtuali”, che fanno astronomia senza neppure guardare il cielo, interessandosi in vario modo agli aspetti matematici e di calcolo o alle curiosità dell’astronomia posizionale.

Lo scopo di questo articolo è mostrare, attraverso il racconto di una esperienza personale, come anche in quest’ultima categoria di interessi possa nascere e svilupparsi una passione, fino al raggiungimento, oltre che di una personale soddisfazione, anche di risultati di una discreta rilevanza scientifica. E’ un po’ la storia della nascita e dello sviluppo del programma SOLEX, che, concepito inizialmente come un giocattolo, si è trasformato nel tempo in un serio strumento di indagine ed approfondimento nel campo della Meccanica Celeste.

Leggi l’articolo completo su Astronomia Nova di Marzo 2012 - Entra e scarica gratuitamente la rivista.

Aldo Vitagliano

è nato a Napoli nel 1948. Laureato in Chimica nel 1971, è ordinario di Chimica Generale ed Inorganica presso l’Università di Napoli Federico II, dove svolge le sue ricerche nel campo della chimica dei composti organometallici.

Da quasi due decenni si interessa anche di meccanica celeste, con particolare riguardo alle applicazioni della integrazione numerica nel calcolo di effemeridi e nella determinazione e studio di orbite, per le quali ha sviluppato il software SOLEX (http://chemistry.unina.it/~alvitagl/solex/).

A riconoscimento di questo lavoro gli è dedicato l’asteroide 5168 Vitagliano.









Articoli simili:

video rubrica, domande astronomiche

iniziative

Ultime Notizie