Una sfida per gli appasionati: catturare il passaggio dell’asteroide 2012 TC4

ottobre 08, 2017  |   In Primo Piano   |     |   0 Commenti
Una sfida per gli appasionati: catturare il passaggio dell’asteroide 2012 TC4

ACCETTA LA SFIDA! 

Il 9-10-11 ottobre 2017 ci sarà un passaggio ravvicinato alla Terra dell’asteroide 2012 TC4 

Fotografalo con la tua strumentazione! 

Rodolfo Calanca 

asteroide2012tc4L’asteroide 2012 TC4 fotografato all’ESO il 10 agosto 2017, quando era ancora di 27^ magnitudine! Crediti: ESO / ESA NEOCC / Olivier Hainaut (ESO), Marco Micheli (ESA) e Detlef Koschny (ESA) – http://www.eso.org/public/images/ann17052a/

Sì, è davvero una GRANDE SFIDA, perché l’asteroide 2012 TC4 sarà molto veloce e non raggiungerà mai una luminosità elevata, metterà quindi alla prova l’abilità dell’osservatore e la bontà della sua strumentazione. Catturarlo dall’Italia anche nei giorni del suo massimo avvicinamento è davvero una bella impresa!

E’ infatti ormai ben noto che questo piccolo asteroide passerà molto vicino alla Terra il 12 ottobre, a circa 55 000 chilometri. Probabilmente ha dimensioni comprese tra i 10 e 30 metri. Per confronto, l’asteroide che ha colpito l’atmosfera terrestre nei pressi di Chelyabinsk, Russia, nel febbraio 2013 era di circa 20 metri. La valutazione di rischio di impatto secondo la scala Torino è, almeno per questa sua orbita, un rassicurante “0″.

E’ comunque classificato come un “possibile impattatore”. Non si sa di quale materiale sia composto, pertanto gli effetti di un possibile impatto sono impossibili da calcolare. Se fosse costituito di 10 metri di roccia, l’asteroide si brucerebbe semplicemente nell’atmosfera, ma se dovessero esserne 40 di ferro allora si creerebbe un vero e proprio cratere. Basti pensare che l’asteroide che cadde su territorio russo nel 2013 liberò nella bassa atmosfera 30 volte la potenza della bomba di Hiroshima, causò 1500 feriti e danneggiò 7000 edifici. Ed è anche sulla base di tale esperienze che gli studiosi sono al lavoro per dare ulteriori certezze circa il passaggio sicuro di 2012 TC4.

Il suo passaggio, visibile dall’Italia, con le relative finestre di osservabilità, è riassunto nella tabella seguente:

finestre-osservative

ED ECCO LA SFIDA: CERCHIAMO DI OSSERVARE L’ASTEROIDE IN TUTTE E TRE LE FINESTRE OSSERVATIVE! 

Come? 

- Iniziare le riprese esattamente alle 20:00 UT con esposizioni 90 secondi (per tutti i tipi di telescopi, per i quali l’immagine dell’asteroide non andrà mai in saturazione), con cielo sereno, dovremmo catturare l’asteroide, almeno nella serata dell’11 ottobre, sia con un 20cm sia ovviamente con strumenti maggiori;

- intervallo di 30s

- nuova esposizione di 90 secondi, seguito da un intervallo di 30s, e così via… fino alle 21 UT

Mi raccomando la precisione nei tempi di intervallo e di ripresa! 

Qui puoi scaricare le effemeridi dell’asteroide: https://mega.nz/#!xhMSkbrK!D6DgmXu-0scj1nlNNisMsv_5kygdzhWoYmlzOiMhVYY minuto per minuto, tra le 19:00 e le 21:47 UT dell’11 ottobre. 

Nella tabella che segue, riportiamo invece le effemeridi dell’asteroide il 9 e 10 ottobre tra le 20 e le 21 UT 

tabella-effemeridi

Le immagini riprese (FITS già calibrate, non i raw),insieme ad un file informativo (che riassume le osservazioni, fornisce i nomi degli osservatori, il luogo delle riprese, le condizioni meteo, ecc.) ci potranno essere inviate all’indirizzo: info@eanweb.com, oppure rodolfo.calanca@gmail.com , con www.wetransfer.com.

A COSA SERVIRANNO LE IMMAGINI RACCOLTE? 

abbiamo i seguenti obiettivi:

1) Creare un video che raccoglierà tutte le immagini che ci saranno pervenute (comprese le informazioni tecniche e quelle degli osservatori) e che sarà distribuito agli organi di informazione, sui social e su Youtube. L’elaborazione e l’editing delle immagini sarà a cura di Elisabetta Bonora, che ha collaborato anche con il JPL, per l’elaborazione delle immagini della sonda Cassini, http://www.coelum.com/coelum/autori/elisabetta-bonora, si vedano i suoi articoli su COELUM;

2) Le immagini saranno utilizzate in programmi didattici, soprattutto per lo studio dei metodi per il calcolo della parallasse;

3) determinare le sue posizioni astrometriche durante il passaggio.

4) Scrivere un articolo riassuntivo per la rivista COELUM

Grazie per la collaborazione e buon lavoro!

Per approfondire:

 

 A volte ritornano… 

A proposito dell’asteroide 2012 TC4 

Aldo Vitagliano 

Non mi riferisco al celebre film horror tratto da un racconto di Stephen King, ma a qualcosa di molto meno fantasioso, soggetto a deterministiche leggi fisiche, che tuttavia portano molto rapidamente ad una totale imprevedibilità.

Il prossimo 12 ottobre riceveremo la visita di un piccolo asteroide NEO, designato come 2012TC4, che passerà a poco più di 50mila km di distanza dal centro della Terra. Con un diametro stimato di appena 15 m, è poco più di un sasso (pressappoco come lo spettacolare meteorite di Chelyabinsk), e di sicuro meriterebbe assai meno attenzione di suoi simili di media taglia, come il superstudiato Apophis, se non fosse per alcune interessanti curiosità della sua recente dinamica orbitale, che valgono la pena di essere messe in luce.

SCARICA L’ARTICOLO (PDF)









Articoli simili:

Non ci sono ancora articoli simili.

video rubrica, domande astronomiche

iniziative

Ultime Notizie