Chi Siamo

Gruppo fondatore EAN
Il gruppo fondatore di EAN (marzo 2008): da sinistra, Rodolfo Calanca, Gianclaudio Ciampechini,
Angelo Angeletti,Alberto Villa, Enzo Rossi, Francesco Barabucci, Mirko Villi,
in ginocchio: Fabiano Barabucci;
in seconda fila: Gilberto Forni e Valentino Luppi; in terza fila: Gimmi Ratto, Paolo Bacci.

EAN – European Astrosky Network, – www.eanweb.com – è una web community che si occupa di comunicazione scientifica, di divulgazione e didattica dell’astronomia.

EAN, per sua natura, non ha una localizzazione territoriale specifica perché i suoi aderenti e simpatizzanti sono sparsi su tutti i continenti. La caratteristica che consente a tutte queste persone di superare le barriere geografiche, culturali, economiche, religiose, razziali e di ceto sociale è la comune passione per la scienza e per l’astronomia in particolare.

EAN MISSION STATEMENT

La mission di EAN riguarda la progettazione e la realizzazione, in ambito nazionale e internazionale, di un insieme di strumenti concettuali e pratici necessari per un’ampia e corretta diffusione della cultura scientifica.

EAN VISION STATEMENT

La EAN vision è perfettamente illustrata dalla seguente frase di Albert Einstein: “Vi sono due modi secondo cui la scienza influisce sulla vita dell’uomo. Il primo è familiare a tutti: direttamente e ancor più indirettamente la scienza produce strumenti che hanno completamente trasformato l’esistenza umana. Il secondo è per sua natura educativo, agendo sullo spirito. Per quanto possa apparire meno evidente a un esame frettoloso, questa seconda modalità non è meno efficiente della prima.”

OBIETTIVI EAN:

1. Creazione di un network astronomico basato essenzialmente sull’uso di trasmissioni web-TV in streaming e differita e sulla pubblicazione di webzine informative.

2. Promuovere iniziative, coinvolgenti e di forte impatto, in videoconferenza rivolte agli amatori, agli studenti ed agli insegnanti. Un esempio: corsi di base e di approfondimento.

3. Creazione di una sorta di YOU TUBE dell’astronomia.

4. Promuovere convegni, Meeting e seminari attraverso i quali si diffondano sia conoscenze scientifiche sia nuove metodologie di comunicazione, divulgazione e didattica astronomica.

5. Stimolare la ricerca scientifica attraverso la promozione di attività mirate allo sviluppo di strumenti hardware e software e di tecniche d’osservazione astronomiche altamente innovative.

Notizie: