Archivio articoli: ‘Cristian Fattinnanzi’

Giove: gli inizi di nuova campagna osservativa del pianeta gigante

settembre 27, 2011  |   AstronomiaNova   |     |   0 Comment

Giove: gli inizi di nuova campagna osservativa del pianeta gigante Cristian Fattinnanzi Partecipate  allo Jupiter Project 2011! Giove, con la sua nutrita coorte di satelliti, è un soggetto straordinario per ogni astrofotografo: ogni notte riserva una sorpresa e rivela particolari misteriosi e affascinanti. Le sue caratteristiche sono davvero notevoli, vanno infatti dalle sue gigantesche dimensioni fino ad una struttura e composizione interna assai diversa da quella terrestre. Infatti, Giove è costituito essenzialmente da idrogeno ed elio, acido solfidrico e piccole percentuali di idrocarburi. [caption id="attachment_849" align="aligncenter" width="300" caption="Immagine di Giove ripresa dalla sonda spaziale Cassini su cui sono indicate le bande principali, con la relativa denominazione, la Zona equatoriale e la Grande Macchia Rossa."][/caption] Sotto la spessa ed impenetrabile coltre di nubi che lo avvolge, troviamo un "guscio liquido" di idrogeno ed elio che modifica le sue caratteristiche man mano che procediamo in profondità. Solo nello strato più interno è racchiuso un piccolo ed estremamente compresso nucleo di roccia e ghiaccio. Questo gigantesco pianeta ruota velocemente attorno al suo asse in meno di dieci ore e questo causa uno  schiacciamento ...

Sky Quality ACTION, stimare la luminosità del cielo notturno con una fotocamera digitale.

luglio 25, 2011  |   AstronomiaNova   |     |   0 Comment

Sky Quality ACTION, stimare la luminosità del cielo notturno con una fotocamera digitale. di Cristian Fattinnanzi L’inquinamento luminoso è una forma grave di inquinamento che interessa tutti, dall’astronomo che osserva il cielo notturno, agli abitanti delle grandi metropoli che ne subiscono gli effetti negativi anche a livello fisico e psicologico. Nonostante la promulgazione di leggi regionali che cercano di limitare l’inquinamento luminoso, per favorire il risparmio energetico e la visibilità della volta celeste, spesso il fenomeno appare  fuori da qualsiasi controllo. Gli appassionati di fotografia celeste  sono costretti a muoversi con la propria attrezzatura alla ricerca di siti osservativi bui, sempre più isolati e difficili da trovare sul continente europeo. Immagini tratte da www.nightwise.org/magnitudes.htm | SQM: www.unihedron.com/projects/darksky/ Per questi motivi, valutare la qualità del cielo diventa una necessità inderogabile. L’occhio umano, per quanto sia un perfezionassimo strumento d’osservazione, non può eseguire stime  molto precise. E’ necessario perciò utilizzare una strumentazione apposita (ad esempio, lo Sky Quality Meter, che fornisce la luminosità in magnitudini per secondo d’arco quadrato), oppure inventarsi qualcosa di meno costoso, ma di altrettanto efficace! Pensandoci un po’, ho capito che un sistema per poter valutare l’inquinamento luminoso ...

FOTOGRAFIA IN ALTA RISOLUZIONE DI SATURNO – Chiedi all’Esperto

giugno 20, 2011  |   AstronomiaNova   |     |   0 Comment

FOTOGRAFIA IN ALTA RISOLUZIONE DI SATURNO – Chiedi all’Esperto Tutto ciò che occorre sapere per ottenere splendide immagini planetarie. Tutta la sequenza delle operazioni e delle regole da seguire per ottenere buone immagini planetarie in generale, nello specifico verrà trattata la ripresa del pianeta Saturno. Cristian Fattinnanzi è uno dei più affermati astrofotografi a livello internazionale. Le sue immagini planetarie sono pubblicate dalle maggiori riviste astronomiche, non solo italiane.

La ripresa delle immagini di Giove nelle ultime opposizioni

maggio 26, 2011  |   AstronomiaNova   |     |   0 Comment

La ripresa delle immagini di Giove nelle ultime opposizioni di Cristian Fattinnanzi [caption id="attachment_514" align="aligncenter" width="317" caption="Una delle mie prime riprese webcam in assoluto: Giove ottenuto con un newton da 20 cm autocostruito ed una Philips Vesta"][/caption] Bravi astrofili, che hanno seguito, negli ultimi anni, con costanza, precisione ed efficacia, fenomeni eccezionali sui maggiori pianeti del Sistema Solare! Hanno così avuto occasioni uniche per contribuire allo studio di questi corpi celesti con un livello di dettaglio mai prima raggiunto. Giove, tra il 2009 e fino alla primavera del 2011, si è esibito in una serie di accadimenti molto particolari. Successivamente è stata la volta di Saturno che, dalla fine del 2010, ha presentato aspetti continuamente cangianti e altamente spettacolari, tutti puntualmente catturati da astrofili di tutto il mondo. Molti si chiedono come sia oggi possibile, anche per un astrofilo medio, catturare dettagli planetari di altissima qualità: che cosa è esattamente accaduto di così straordinario nel mondo della tecnologia nell’ultimo decennio? [caption id="attachment_513" align="aligncenter" width="500" caption="Ecco una delle migliori immagini di Giove che si potevano ottenere, con pellicola chimica, negli anni Settanta. La foto è stata scattata il 7 settembre 1974 con il “mitico” telescopio di San Vittore (BO) di 45cm di diametro."]

Saturno in alta risoluzione

aprile 30, 2011  |   AstronomiaNova   |     |   0 Comment

Saturno in alta risoluzione di: Cristian Fattinnanzi Presentiamo alcune straordinarie immagini di Saturno di Cristian Fattinnanzi, notissimo astrofotografo di fama internazionale, ottenute nel corso di questa opposizione del pianeta. 6 febbraio 2011: E’ la prima immagine ottenuta da Cristian in questa opposizione di Saturno. La strumentazione utilizzata: newton 0,36 m, f/5; focale equivalente: 10 m; DBK 21 + IR—cut, seeing: 5/10. 8 marzo 2011: Saturno mostra ancora la bellissima tempesta nell'emisfero nord. La luminosità del satellite Tethys è stata aumentata separatamente dal resto dell'immagine. La strumentazione utilizzata: newton 0,36 m, f/5; focale equivalente: 10 m; DBK 21 + IR—cut, seeing: 6-7/10 8-9 marzo 2011: Straordinaria elaborazione delle immagini di Saturno che Cristian così commenta: “Sfruttando le immagini in sequenza del mio video, sono riuscito a calcolare approssimativamente il periodo di rotazione del "sospetto" spokes. La macchia scura sugli anelli si vede con sufficiente chiarezza nelle immagini riprese tra le ore 23:50 ut del 2011/03/08 e le ...

video rubrica, domande astronomiche

iniziative

Ultime Notizie